Tag

, , ,


screQuesto primo volume raccoglie le edizione italiane di opere apparse precedentemente, avente come filo conduttore il concetto di realismo. Il secondo volume invece, che avrebbe dovuto verosimilmente riunire i Saggi sul realismo e Il romanzo storico, non è mai apparso.
Le opere comprese nel primo volume sono:

Breve storia della letteratura tedesca dal Settecento a oggi

Questa Breve storia della letteratura tedesca dal Settecento ad oggi scritta nell’inverno del 1944-45, è una chiara analisi delle correnti e delle personalità di maggior rilievo che hanno animato la cultura tedesca degli ultimi due secoli. Lukács intende valutare, al di là dei limiti della pura storia letteraria e alla luce della dialettica fra progresso e reazione, il cammino percorso dalla Germania nel passato, e, insieme, le linee portanti nello sviluppo dello spirito tedesco. Nell’economia e nella politica dell’imperialismo germanico, Lukács individua le basi sociali, le cause efficienti delle tendenze e dei fenomeni letterari da lui presi in esame.

Goethe e il suo tempo

Scritti da György Lukács nel 1940, nel momento più oscuro della nostra storia, questi “Studi sul Faust” spiccano oggi come una delle migliori introduzioni al capolavoro goethiano e come uno dei saggi del filosofo ungherese che meglio hanno retto lusura del tempo. Goethe non è soltanto per Lukács il genio che meglio sintetizza il momento più splendido della letteratura borghese nella sua fase ascendente, nella sua contrapposizione vittoriosa alla visione del mondo della feudalità al tramonto; è anche e soprattutto un poeta al quale lo avvicina unempatia profonda, che gli consente di superare le angustie di uninterpretazione a tratti ideologica, che pesa su molte delle sue analisi della letteratura contemporanea. Gli “Studi sul Faust” e gli altri saggi sulletà goethiana poi raccolti in “Goethe e il suo tempo” consentono a Lukács di contrapporre alla barbarie del nazismo la voce più umana, più illuminata, più europea in cui si sia mai incarnato il magistero della lingua tedesca. Lapplicazione intelligente delle categorie interpretative ricavate dalle opere giovanili di Marx, lungi dallessere una gabbia ideologica che irrigidisce linterpretazione, si trasforma in una leva potente, che permette a Lukács di mettere in luce un elemento fondamentale della visione di Goethe: la perfetta convergenza della “magia” di Mefistofele con il “magico” potere del denaro che, nella nascente società del capitalismo industriale, si appropria delle forze essenziali delluomo e le sfrutta a proprio vantaggio.

Realisti tedeschi dellOttocento

Il volume Realisti tedeschi dell’Ottocento riprende saggi pubblicati sulla «Internationale Literatur» tra il ’37 e il ’40, salvo quello su Fontane, apparso in «Sinn und Form» nel ’51. Nello stesso anno apparve la raccolta completa presso l’Aufbau Verlag, con il titolo Deutsche Realisten des 19. Jahrhunderts.

Thomas Mann

In questi tre saggi, raccolti in volume dall’autore, il filosofo marxista György Lukács (1885-1971) ci ha lasciato la sua interpretazione di Thomas Mann, da lui considerato “lultima grande espressione del realismo critico borghese”. Il primo – una conferenza pronunciata per celebrare i settantanni dello scrittore – è una lettura complessiva del “work in progress” manniano. Nel secondo, scritto nel 1948, Lukács interpreta il Doctor Faustus, come “la tragedia tipica dellarte e della spiritualità borghese moderna”, e come il percorso esemplare di un intellettuale tedesco negli anni che precedono lavvento del nazismo. Il terzo raccoglie i fili del lungo confronto di Lukács con l’opera di Mann.

Il significato attuale del realismo critico

Il significato attuale del realismo critico [Die Gegenwartsbedeutung des kritischen Realismus] apparve per la prima volta in italiano, nella traduzione di Renato Solmi (Einaudi, Torino 1957), condotta direttamente sul dattiloscritto; dopo il 56 Lukács era stato infatti messo al bando nei paesi socialisti. Lanno seguente usciva anche loriginale tedesco, ma presso una casa editrice occidentale, con il titolo, scelto dalleditore, Wider den missverstandenen Realismus (Contro il fraintendimento del realismo), Claassen, Hamburg 1958.

Annunci