Tag

, ,


La_distruzioneIl Lukács della maturità, in particolare quello legato all’esperienza de La distruzione della ragione, è stato di fatto dimenticato se non addirittura rimosso. L’assunzione di un modello di storia hegelianeggiante e di razionalità “forte” in controtendenza con le prese di posizione giovanili, quando Lukács si trova a difendere con estremo rigore una forma radicale di “etica della convinzione”, in polemica contro coloro che vogliono sovrapporre ad essa una “mitica” dimensione storica che non risolverebbe nessuno dei problemi che si pongono alla coscienza individuale, è stata drasticamente e in maniera semplificatoria liquidata come una comprensione acritica dello status quo. La rilettura dell’irrazionalismo filosofico, pur nel suo estremismo e nei suoi limiti, rimane tuttora una denuncia imprescindibile in un momento storico in cui la voce della filosofia sembra essere assente dal dibattito sulla contemporaneità. La distruzione della ragione continua ad essere un’opera di straordinaria attualità per la coerenza rivendicata sulla commensurabilità compiuta tra opzioni teoriche e comportamenti pratico-politici, una coerenza, purtroppo, oggi troppo spesso disattesa. Con un’introduzione di Elio Matassi.

Annunci