Tag

,


gmico
Pubblicato nel 1954 nel contesto di una ampia e assai polemica discussione tra filosofi, questo breve saggio ci offre la chiave per rileggere la celebre introduzione autocritica che Lukács premise nel 1967 alla riedizione della sua opera giovanile Storia e coscienza di classe. È dunque un prezioso strumento per la ricostruzione della storia interna del pensiero lukacsiano, ma, al tempo stesso, una presa di posizione sul «giovane Marx» nel tentativo di liberare la tematica dell’alienazione dalle allora assai diffuse deformazioni spiritualistico-fenomenologiche e per ricuperarla quale componente fondamentale e costitutiva dell’opera di Marx. Questa ricostruzione dell’evoluzione filosofica del giovane Marx è, come è già stato notato, un profilo equilibrato e analitico di biografia intellettuale, nel quale si delinea chiaramente l’interpretazione dell’hegelismo e di Marx propria dell’autore, e insieme un’ipotesi di interpretazione unitaria della sua opera fondata sulla essenzialità, all’interno di questa, della tematica dell’alienazione.

Annunci