Tag

,


daicoIl dramma moderno, scaturito dall’impegno teatrale attivo del giovane Lukács a Budapest, «dalla vita ed in stretto rapporto con essa», nacque tra il 1908 e il 1909 e solleva questioni che Lukács affrontò direttamente, nella prassi, quando negli anni 1904-1907 fu uno dei direttori della Thalia-Gesellschaft.
La questione di fondo posta dall’Autore è se esista un dramma moderno e se possa esserci in assoluto un dramma moderno. Attraverso un’analisi estetica e storico-sociologica della letteratura, Lukács dimostra che esiste un dramma moderno, poiché è storicamente dimostrato che esso si diversifica da qualunque dramma del passato, sebbene sia problematico nella sostanza. Il dramma moderno e il dramma della borghesia, poiché è il risultato emerso dalla lotta per il dramma borghese, lotta che fu combattuta dopo il periodo di sterilità succedutosi alla decadenza del dramma rinascimentale, feudale e cortigiano. Il nuovo dramma è il dramma borghese, perché è il primo e finora l’unico dramma che non scaturisca da una coscienza mistico-religiosa ma che si sia avvicinato alla sfera religiosa solo nel corso del successivo sviluppo, a differenza quindi del dramma precedente, il quale si è lentamente sganciato dalla religione. Inoltre, fin dal momento della sua nascita, il nuovo dramma si pone il problema storico. Ciò nondimeno, il nuovo dramma è anche il dramma dell’individualismo, e lo è con una forza, un’intensità e una esclusività come non lo è mai stato. Lo è a tal punto che non pare nemmeno assurda una concezione del dramma che proprio qui veda lo spartiacque tra vecchio e nuovo dramma; perché una simile visione storica colloca l’inizio del nuovo dramma nel momento stesso in cui l’individualismo comincia a diventare drammatico.

Annunci