Tag

, , , ,


faicoRitrovati fra le carte del filosofo scomparso nel 1971, questi Primi Scritti sull’Estetica (1912-1918) vengono pubblicati oggi in prima mondiale. Essi si compongono di due volumi: la presente Filosofia dell’Arte e la Estetica di Heidelberg, che comparirà nella primavera del 1974.
Tali inediti, attraverso i quali ci è dato conoscere la produzione estetica del giovane Lukács, rivestono una grande importanza storica per la comprensione del pensiero lukasiano, poiché si collocano come un punto d’incrocio nella sua evoluzione. Confluiscono qui i motivi più caratteristici della riflessione del filosofo sull’arte e vengono anticipate formulazioni che troveranno la loro sistemazione definitiva nella tarda Estetica (1963), in cui, tuttavia, nonostante il più ampio respiro, andrà smarrito qualcosa del complesso e denso discorso svolto in questi scritti. Vi si svela non solo una ricchissima esperienza diretta d’arte e di poesia, accompagnata da un’appassionata adesione personale ai valori estetici, ma anche la complessità della formazione intellettuale del filosofo, su cui ha pesato la lezione dei neo-kantiani di Heidelberg, di Simmel, di Weber, di Husserl, di Fiedler; su cui hanno influito la riflessione estetica dell’amico Leo Popper e, particolarmente, la riflessione di Lask sul rapporto fra le categorie logiche, le forme e l’esperienza vivente.
Lukács pone in quest’opera le basi per una teoria estetica di carattere valutativo. Il suo impegno è teso qui a cogliere e a rendere manifesto il valore dell’opera d’arte come fenomeno estetico, come forma significativa nella sua specificità, in contrapposizione ad altri valori appartenenti alla sfera teoretica e a quella dell’agire pratico.

Annunci