Lettera internazionale 23 - 1990

 Vivere senza nemici 

Il trauma della pace, Pascal Bruckner
Nuovi cattivi cercansi, Vincent Canby

La questione russa

Palcoscenico Mosca, Karl Schlögel
Uno zar per la perestrojka?, Igor Kljamkin, Andranik Migranjan
Perestrojka e democrazia, Leonid Batkin

Le rivoluzioni

L’Ottantanove e il Diciassette, Cornelius Castoriadis

L’età del jazz

Nello spirito del carnevale, Hans Christoph Buch
Una rivoluzione antropologica, Marcello Piras
Improvvisazione in bianco e nero, Bernt Leukert
Il jazz è morto?, intervista a Miles Davis, di Nick Kent
Nick’s Bar, New York City, Jean-Paul Sartre
Foxtrot al Politburo, Josef Skvorecky

Lukács: un comunista autentico

Tra Marx e Dostoevskij, Vittorio Strada
Il profeta dell’anticapitalismo romantico, Michael Löwy
Il campione del realismo socialista
, David Pike
Il fondatore di scuole, Ágnes Heller
La distruzione del marxismo, Mihály Vajda

Il mondo di ieri

Il coniglio e il serpente, Thomas Asperger
Interrogatorio, Norman Manea
Uomini e cani, Marin Sorescu
Morire in Afghanistan, Oleg Ermakov

Tibet

La donna in blu, Ma Jian

Mille e una Europa

Spagna: dalla movida all’Europa, Rosa María Pereda

Corrispondenze
Da Londra, Michael Ignatieff
Da Milano, Giulio Giorello
Da Parigi,  Tzvetan Todorov

Annunci